La ditta Rodolico Pietro srl viene fondata nel 1983 per la produzione di serramenti in alluminio. Nell’ottica di un continuo miglioramento insieme all’esigenza di rispondere sia alle richieste del mercato, sempre più differenziato e qualificato, che alle normative vigenti, l’Azienda ha cercato negli anni di innovarsi e di introdurre prodotti che soddisfino le richieste del Cliente. Pertanto si è passati dagli infissi in solo alluminio agli infissi termici, e in tal senso l’Azienda si è specializzata nella progettazione/produzione di infissi in misto legno-alluminio, PVC, fibra di vetro e alluminio a taglio termico.

Recentemente l’Azienda ha rivolto l’attenzione alla pellicolatura dei profili in alluminio. I profili pellicolati rispetto a quelli verniciati hanno una maggiore resistenza ai “raggi Uw” del sole garantendo una maggiore durata del colore nel tempo.

0918211209
3316337178
pietrorodolico@tiscali.it
  BREVETTO PROPRIO – ESPOSIZIONE PERMANENTE

Blog

HomeDetrazioni FiscaliECOBONUS 2021 – SUPERBONUS 110% – BONUS CASA 2021 – SCONTO IN FATTURA 50%

ECOBONUS 2021 – SUPERBONUS 110% – BONUS CASA 2021 – SCONTO IN FATTURA 50%

Grazie al Decreto Rilancio prorogato per tutto il 2021, oltre alla normale detrazione Ecobonus (Risparmio energetico) e Bonus casa (Ristrutturazione) detraibili in 10 anni, il cliente può chiedere lo sconto in fattura. Vediamo insieme come funziona nel dettaglio questa incredibile opportunità

 

DECRETO RILANCIO 2020 PROROGATO PER IL 2021

Ai sensi dell’articolo 121 del decreto-legge n. 34 del 2020 (c.d. Decreto Rilancio), i soggetti che negli anni 2020 e 2021 sostengono spese per gli interventi di ristrutturazione edilizia possono optare, in luogo dell’utilizzo diretto della detrazione spettante, alternativamente:

  • per un contributo, sotto forma di sconto sul corrispettivo dovuto, fino a un importo massimo pari al corrispettivo stesso, anticipato dai fornitori che hanno effettuato gli interventi e da questi ultimi recuperato sotto forma di credito d’imposta, di importo pari alla detrazione spettante, con facoltà di successiva cessione del credito ad altri soggetti, compresi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari
  • per la cessione di un credito d’imposta di pari ammontare, con facoltà di successiva cessione ad altri soggetti, compresi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari.

In sostanza grazie al Decreto Rilancio 2020 è possibile richiedere lo sconto in fattura all’impresa e la cessione del credito a banche e intermediari finanziari. Questo credito potrà essere ceduto illimitatamente a qualsiasi soggetto.

Vediamo cosa succede se decido di acquistare degli infissi per un importo di euro 10.000 iva inclusa. Se i miei infissi rispondono ai requisiti richiesti dalla legge per rientrare nell’Ecobonus (legge 296/06) e sono installati in un’abitazione a prevalente uso abitativo regolarmente accatastata, dove è presente un impianto di riscaldamento funzionante potrò scegliere se:

  1. usufruire della detrazione del 50% in 10 anni ecobonus legge 296/06, si pagherà l’intero importo di euro 10.000 alla fine dei lavori e in seguito si detrarrà il 50% (euro 5.000) in dieci anni in sede di dichiarazione dei redditi se vi è capienza IRPEF. Quindi, per i 10 anni successivi all’acquisto si recupereranno euro 500 all’anno.
  2. Optare per la scelta dello sconto in fattura, l’azienda fornitrice concede al cliente lo sconto del 50% sui 10.000 euro quindi si sosterrà una spesa effettiva di euro 5.000. Questo sconto anticipato dal fornitore che ha effettuato gli interventi verrà recuperato dallo stesso sotto forma di credito d’imposta, con facoltà di successiva cessione del credito ad altri soggetti, ivi inclusi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari;
  3. Optare per la scelta cessione del credito, sarà direttamente l’acquirente a cedere il credito di imposta pari alla detrazione del 50% alle banche o ad istituti finanziari. In questo caso all’azienda che svolge i lavori si pagherà l’intera cifra di euro 10.000.

Qual è la differenza tra sconto in fattura e cessione del credito? Tramite lo sconto in fattura, l’impresa che ti realizzerà i lavori ti anticiperà la spesa detraibile, quindi pagherai solo la metà e a sua volta, l’impresa potrà cedere o meno il credito alle banche o ad altri intermediari. Nel caso di cessione del credito pagherai l’intero importo all’impresa e potrai cedere direttamente il tuo credito a terzi, quindi by-passando le imprese e i fornitori.

SOGGETTI CHE POSSONO BENEFICIARE DEI VANTAGGI ECOBONUS (DETRAZIONI O SCONTO IN FATTURA)

Possono beneficiare della detrazione i soggetti, residenti e non residenti, titolari di qualsiasi tipologia di reddito; nello specifico:

  • proprietario;
  • detentore di un diritto reale (diritto di usufrutto, di uso, di abitazione, di superficie);
  • soci di cooperative a proprietà divisa e indivisa;
  • i contribuenti che conseguono reddito d’impresa (persone fisiche, società di persone, società di capitali);
  • detentore dell’immobile (locatario, comodatario);
  • familiare convivente (per immobili appartenenti all’ambito “privatistico”);
  • coniuge separato assegnatario dell’immobile intestato all’altro coniuge;
  • convivente di fatto di cui all’art. 1, commi 36 e 36 della Legge n. 76 del 2016;
  • promissario acquirente.

INTERVENTI CHE DANNO DIRITTO ALLA DETRAZIONE FISCALE RISPARMIO ENERGETICO O DELLO SCONTO DIRETTO IN FATTURA

Le tipologie di interventi su parti comuni di condomini o su singole unità immobiliari che danno diritto alla detrazione o sconto diretto in fattura sono i seguenti:

  • serramenti e infissi
  • schermature solari (persiane e tapparelle)
  • caldaie a biomassa, a condensazione in classe A e sistema di termoregolazione evoluto
  • pompe di calore
  • scaldacqua a pompa di calore
  • coibentazione a involucro
  • pannelli solari
  • generatori ibridi
  • sistemi building automation
  • micro-cogeneratori

REQUISITI E DOCUMENTI

I requisiti indispensabili che il cliente dichiarerà di possedere per poter ottenere lo sconto 50% in fattura sono i seguenti:

    • l’edificio interessato dall’intervento di riqualificazione energetica è dotato di impianto di riscaldamento;
    • le opere oggetto del contratto rispettano le norme urbanistiche ed edilizie comunali;
    • l’edificio è accatastato e vi è piena regolarità con il pagamento dell’ICI/IMU (se dovuta);
    • le spese per l’intervento oggetto di agevolazione fiscale vengono sostenute da chi ha un diritto reale sull’immobile (cioè dal proprietario o dal detentore) o dal familiare convivente con il proprietario o il detentore;
    • il titolare di diritto reale che sostiene le spese per l’intervento in oggetto è in regola con il fisco sotto ogni aspetto e non ha vertenze fiscali.

Come fare per poterne usufruire? 

Contattateci al 📱 3332257481 o vieni a trovarci,

sapremo rispondere alle tue domande.

× Possiamo aiutarti?